Memorial Giovanni Pedà

 

Il 29 Aprile 2012 sarà un giorno da ricordare per il mondo del ciclismo Pontino.

Il Primo Memorial Giovanni Pedà organizzato dalla società Latinense Bike del Presidente Marco Caruso è stato un grande successo, una manifestazione imperniata la mattina con il ciclismo amatoriale, a seguire con gli esordienti primo e secondo anno, per finire nel pomeriggio con gli allievi, rappresentanti di tutte le regioni del centro Italia presenti. Nulla è stato lasciato al caso, assistenza sanitaria dell’associazione Misericordie con tre ambulanze, coadiuvate dal Dott. Maceroni,  scorte tecniche gruppo Vessella, radio corsa affidata all’esperienza di Massimo Pisani, gestione della corsa al  Movimento ciclistico Latina.

Si inizia la mattina con i ciclo amatori 202 iscritti divisi in tre fasce di partenza. Alle 9,15 il via ufficiale alla corsa sotto l’attenta regia di Alberto Borgognoni coadiuvato dai giudici di gara, Gasparetto, Campagnaro, Dell’Aguzzo, Francesco Borgognoni, Lorenzo Quattrini.

Circuito di gara di rara bellezza che si snoda intorno ai giardini di Ninfa,( patrimonio Unesco )  15 km con vari saliscendi che rendono la gara molto effervescente.

Sulla salita che dal laghetto di Ninfa porta al bivio di Norma, i ritmi di gara si alzano ad ogni tornata, nella prima fascia di partenza Fanton,  Maggi e Colato sono i più attivi, allungano il gruppo e creano la fuga decisiva. Nel drappello di testa oltre ai già citati entrano Leopoldo Elefante rappresentate Campano, Onorato Fusco, Casconi Paolo, De Marco Alberto ed  Enzo Di Prospero corridore locale cresciuto su queste strade, l’accordo c’è e ben presto il gap che pongono sul gruppo diventa incolmabile. Nel lungo rettilineo d’arrivo alla presenza di tantissimi tifosi accorsi Colato è in testa ai 200mt finali, dalla sua ruota esce Cristian Fanton che lo supera agevolmente, sembra fatta per il primo posto assoluto. Fanton controlla Colato e non si accorge di  Casconi che esce alla sua sinistra con sulla ruota Maggi. Rimandata la vittoria assoluta per Fanton che si deve accontentare del primo posto di categoria. 2° De Marco 3° Colato. Maggi coglie la piazza d’onore assoluta 3 posto per Di Prospero.

Seconda vittoria assoluta  per

Casconi Paolo, dopo la vittoria di mercoledì su Zaottini, un altro importante trofeo si aggiunge alla sua ricca bacheca, il 1° memorial Giovanni Pedà. Soddisfazione per il presidente della Latinense bike, Marco Caruso per la vittoria del suo alfiere. Ma le gioie non sono finite, la Latinense bike è presente anche nella seconda fascia di partenza con un buon numero di corridori competitivi.

È sempre la salita di Ninfa lo scenario degli attacchi che determineranno l’esito della corsa, nella seconda fascia di partenza D’Ercole Mauro lancia il suo attacco, seguito da Piersanti della Latinense Bike e da Rossi. Nel successivo rettilineo si agganciano Cassetta Simone, Ottaviani, Deodati, Lucatelli e Pino Negro. Non c’è reazione nel grosso del gruppo, vita facile per gli attaccanti che si apprestano a giocarsi la vittoria. Quando mancano 5 km alla fine della gara Deodati gioca la sua carta, scatto secco a sorpresa che gli permette di guadagnare 300mt.  Piersanti intuisce la mossa e si lancia all’inseguimento, aggancia Deodati per poi batterlo sotto l’arco d’arrivo. secondo posto consecutivo per Deodati battuto Mercoledi 25 da un altro rappresentante della Latinense Bike. Ultimo gradino del podio per Negro Giuseppe che si aggiudica la volata del gruppo dei fuggitivi. 4° Cassetta Simone, 5° Ottaviani.

All’ultimo giro nella terza partenza Dell’Aguzzo Antonio scuote il gruppo e si lancia all’attacco con De Negri, Colandrea, Lencio, Parisella. All’inseguimento Gaviglia, D’Ercole Renzo, Pergolesi e Procaccini. In testa al gruppo Di Girolamo concede poco rilanciando sempre l’andatura, marcato stretto da Moriconi che ha due compagni in fuga.

L’epilogo finale vede un testa a testa tra D’Ercole e Gaviglia, la classe cristallina di D’Ercole prevale sulla forza di Gaviglia che deve accontentarsi di un altro secondo posto. Ottimo terzo posto per Colandrea.

Le premiazioni delle corse targate FIC-Fenalc CSI sono il coronamento di una organizzazione di gare ad alto livello, da parte  delle società appartenenti a questa nuova federazione. La signora Iole Pedà ha presenziato tutta la premiazione che ha gratificato lautamente vincitori e vinti, grazie anche  allo sponsor ufficiale Tabaccheria Pedà di Stefania.

Pubblicato in home

Trofeo Liberazione

Latinense bike domina nel trofeo Liberazione al Nascosa

La FIC-Fenalc organizza il 1° Trofeo Liberazione in Via Nascosa. Corsa ciclistica voluta dall’Associazione gruppo spontaneo Nascosa. Tutti presenti sin dal primo mattino i dirigenti dell’associazione il presidente Maurizio Tognetto, vice Aldo Facci, presenti anche molti politici Dott. Ripeti in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Latina,

Scalco, Furlanetto, anche il Presidente Nazionale della Fenalc Dott. Alberto Spelda.

Alle 9,05 il plotone multicolore forte di 187 presenze si muove da via Nascosa, per portarsi in via del Lido. Disposti i gruppi di partenza  il via ufficiale del direttore di corsa Alberto Borgognoni  alle 9,15. Cinque giri di un percorso di 14,200 km, nella prima partenza si alzano le velocità sin dai primi km di gara. Il ritmo elevato concede pochi spazio agli attaccanti come Pieri, Porzi, Orlacchio, Felici, Corsi, Colato, Mandatori, Fanton. All’ultimo giro ci provano Maggi, Soprano, Picozza, Colato, Mandatori i cinque battistrada trovano subito l’accordo, il gruppo non concede molto spazio e permette ai fuggitivi solo pochi km di visibilità.

Negli ultimi tre km di corsa, Porzi prende la testa del gruppo che conduce ad alta velocità fino ai  200mt finali,  in tre hanno un leggero margine sul resto del gruppo, conduce Mattei che viene superato da Zaottini, negli ultimi metri Casconi esce dalla ruota di Zaottini e lo  salta. Bellissima volata tra Titani Vince Casconi che relega al secondo posto Zaottini, primo di categoria e terza posizione per Mattei, secondo di categoria. Ottimi piazzamenti per Pannozzo Luca, Bastianelli Michele, Campagnaro Andrea e Costantini Alessandro, in ordine dietro Zaottini. Terza piazza per Soldi Giuseppe, 4° e 5° Soprano e Nardi Luca, per la categoria Veterani.

 

Nella seconda partenza la Latinense Bike gestisce la corsa concedendo pochi spazi agli attaccanti di turno, l’esito conclusivo è la volata di gruppo. A Borgo Sabotino si forma  Il treno nero azzurro che guida il plotone fino all’ultimo km. Carrozzeria Italia con D’Ercole e Cassetta lanciano  la volata lunga, esce forte Deodati ai 100mt finali affiancato da Orlando Battisti. Il guizzo vincente di Battisti relega al posto d’onore l’ottimo Deodati, terza moneta per D’Onofrio Dario del team Castelli. 4° Primi, 5° Cassetta Simone.

 

Nella terza partenza molto attivi Quaglia Giancarlo, Moriconi, Amadio, Canini, Lencio che provano più volte la sortita solitaria. La fuga decisiva vede protagonisti De Negri, Cedroni ed Eugenio Capodacqua.  In via del Lido quando mancano due giri al termine De Negri lancia il suo attacco,

lo seguono Cedroni e Capodacqua, c’è subito accordo e la fuga prende consistenza. Nell’ultima tornata Cedroni allunga seguito da De Negri, perde contatto Capodacqua, sul rettilineo

 d’arrivo De Negri ha l

 

 

a meglio su Cedroni, la volata di gruppo

è vinta da Paglierini, 4° D’Ercole, 5° Di Mauro.

L’ottima premiazione ha gratificato le fatiche dei corridori.

Prossimo appuntamento domenica 2

9 Aprile a Doganella di Ninfa per il 1° memorial Giovanni Pedà.


Prima partenza aperta ad enti e F.C.I.

Partenza ore 09,00 tre partenze a seguire.

 

 

 

 

Pubblicato in home

I Memorial Mastrantoni

1° Memorial Paolo Mastrantoni

Continua con ottimi risultati l’attività ciclistica della F.I.C.- Fenalc del presidente Lorenzo Quattrini, affidata al gruppo di lavoro degli Amatori Latina, Borgognoni Alberto, Gasparetto Ivo, Campagnaro, Dell’Aguzzo, Borgognoni Francesco. Ennesimo successo di partecipazione per il 1° Memorial Paolo Mastrantoni,  Un grande sportivo, un uomo vero appassionato dello sport, che dello sport ha creato la sua attività, questo era Paolo. Un amico carissimo per Alessandro Cifra, presidente del G.S. Carrozzeria Italia che ha organizzato una bella manifestazione in suo onore. Dopo il minuto di raccoglimento davanti alla palestra Dimensione Corpo, alla presenza della moglie  Antonella  il grande serpentone multicolore, si muove per le vie della città scortati dalle moto del gruppo Vessella, per portarsi in via Faggiana  per il via  ufficiale alla gara.

Nella prima partenza forte di un buon numero di corridori provenienti da tutto il Lazio, con una rappresentanza dalla Campania del gruppo Amici del Pedale, c’è subito battaglia.   In testa al gruppo scatti a ripetizione, molto attivi  Pieri e Porzi, le continue ripartenze allungano il gruppo, sulla via Isonzo si crea una fuga forte di un drappello di 15 corridori.

Nomi importanti, Mattei, Maggi, Soldi, Pieri, Visentin, Maggioli, per la categoria dei Veterani, tra i giovani Astri, Astolfi, Bastianelli, il giovane Costantini, De Marco, D’Acuti, Fusco, Nicoletti, Picozza Giampiero, Papi e Porzi. Con cambi regolari i fuggitivi creano un gap incolmabile per il resto del gruppo. Nell’ultimo giro entrano in azione i giochi di Squadra. Con l’arrivo in volata l’uomo da battere è sicuramente Mattei Roberto, vincitore delle ultime tre gare. All’altezza di villa Fogliano ASD Latina Sporteam forte di tre uomini nella fuga,  lancia la sua sfida al favorito. Maggi, Visentin, D’acuti, Astri, Fusco, Astolfi e Porzi, allungano, nel rettilineo d’arrivo D’Acuti lancia la volata lunghissima, prende di sorpresa tutti, ottiene un vantaggio che gli consentirà di vincere a mani levate davanti ad un folto pubblico di amici e tifosi. Per Astolfi Claudio in forte rimonta la piazza d’onore, terzo Porzi, 4° Astri, 5° Picozza Giampiero. Maggi primo classificato della categoria Veterani, 2° Maggioli, 3° Pieri,  4° Mattei, 5° Soldi Giuseppe.

Il circuito pianeggiante consente scatti a ripetizione, è quello che avviene nella seconda partenza con tentativi di fuga. Cassetta Simone, Serafini, Monti, Deodati, Piersanti, Lucatelli, Merola, sono tra i più attivi. Nel finale si crea la fuga decisiva, Negro, Ottaviani, Piersanti, Deodati e Savoia prendono un buon margine di vantaggio. Sullo strappo di via del Lido, Savoia prova a sorprendere i compagni di fuga, gesto che gli fa guadagnare 15”. L’arrivo non è lontano, reazione veemente di  Ottaviani  che in breve raggiunge Savoia e lo stacca giungendo al traguardo in perfetta solitudine. Anche Negro raggiunge Savoia conquistando la piazza d’onore, terzo posto per il coraggioso Savoia. Deodati, Piersanti, De Prizio e Lucatelli arrivano alla spicciolata anticipando la volatona del gruppo.

Nella terza partenza non cambia il film della gara. Ci provano Lencio, Bruxelless, Colandrea, Parisella, Onorati, Di Mauro, ripresi è la volta di Dell’Aguzzo Antonio, Peloso Mauro, Pica chiude su di loro Di Girolamo che si traina tutto il gruppo. Riparte Saragoni con De Negri, Paglierini, Di Mauro e Peloso, anche questo attacco è destino ad avere poco spazio.

Siamo all’epilogo finale, dal gruppo allungato emerge Molinari Gianfranco che si aggiudica la vittoria, 2° D’Ercole Renzo, 3° Mattia Liborio, 4° Capucilli, 5° Paglierini.

La premiazione allestita dal presidente Alessandro Cifra chiude una grande manifestazione ad alto livello, organizzata senza lasciare nulla al caso, cosi come avrebbe organizzato il caro Paolo Mastrantoni.

Prossimo appuntamento per la FIC-Fenalc è per Mercoledi 25 p.v. con ritrovo in Via Nascosa a Latina, tre partenze, prima partenza aperta a tutti F.C.I. e enti della  C.N.C.

Pubblicato in home